martedì 23 maggio 2017

Ashley Hay " La Biblioteca sull' Oceano " - Recensione Libro

ASHLEY HAY

LA BIBLIOTECA SULL' OCEANO





Dati Generali Libro:
<a target="_blank" href="https://www.amazon.it/gp/product/B01N7VPGV4/ref=as_li_tl?ie=UTF8&camp=3414&creative=21718&creativeASIN=B01N7VPGV4&linkCode=as2&tag=matutteame-21&linkId=312b17b6d0b590572c1d852e4541b429">La biblioteca sull'oceano</a><img src="//ir-it.amazon-adsystem.com/e/ir?t=matutteame-21&l=am2&o=29&a=B01N7VPGV4" width="1" height="1" border="0" alt="" style="border:none !important; margin:0px !important;" />

Genere : Letteratura internazionale
Listino : € 18,90
Ebook : € 9,99
Editore : Sperling & Kupfer
Data uscita : 07/02/2017
Pagine : 324
EAN : 9788820061319




 
 
 
 
 
Descrizione :
 
In una piccola città in riva all'oceano, c'è una biblioteca dove gli abitanti vanno in cerca di pace e di sogni. È lì che ad Ani viene offerta una nuova possibilità dopo che un crudele scherzo del destino l'ha lasciata sola a crescere la sua bambina; è tra le pagine dei libri che spera di trovare un senso a ciò che le è accaduto e ciò che le è rimasto. Tra quei vecchi scaffali, anche il dottor Draper vorrebbe ritrovare la sua vita di un tempo, di quando ancora non aveva conosciuto la guerra e un senso di colpa per tutti coloro che non è riuscito a salvare. Mentre il suo amico Roy, che al fronte si è scoperto poeta, vaga alla ricerca delle parole che ha perduto proprio in tempo di pace. Finché una poesia anonima ricevuta da Ani irrompe in quel tempo sospeso e riavvia il corso di quei tre destini, ormai intrecciati per sempre in un'unica storia.
 
 
 
 
 
 
MIA RECENSIONE :
 
 
 
Triste da lasciarti con il magone.
 
Ho l'abitudine di venire attratta dai libri che parlano di biblioteche, ed è ovvio che prima o poi me ne capita qualcuno che non mi piace.

Devo dire che il libro è scritto bene, niente da ridire in merito, ma tutta la storia è coinvolgente e tanto triste, ci sono capitoli che mi hanno proprio lasciato con il magone, quando io, come la protagonista, cerco sempre storie a lieto fine.
 
Siamo in Australia nel 1948, è da poco finita la Seconda Guerra Mondiale anche se i protagonisti sono stati toccati solo di striscio da questo evento.
 
Anikka, che tutti chiamano Ani, vive con il marito Mac e la figlia Isabel in un paesino proprio sull'oceano, da dove aprendo la porta si arriva al mare e trovo che sia fantastico.
 
Mac lavora come macchinista alla stazione, ed i treni sono la sua passione.

Peccato che un giorno alla porta di Ani si presentano gli alti funzionari della stazione, Mac è morto in un incidente ferroviario.
Da allora la vita di Ani non è più la stessa, deve andare avanti e badare alla figlia, e le viene offerto come risarcimento un lavoro alla biblioteca della stazione.
 
Nella sua vita compare Roy, un poeta del posto che dopo essere tornato dalla guerra vive con la sorella, ma da allora non riesce più a scrivere. Sarà Ani a procurargli mediante il lavoro in biblioteca tutti i libri possibili per ridargli l'ispirazione, ma la vera valvola che farà ripartire le idee al poeta saranno proprio le personalità di Ani e della figlia Isabel.
 
Torna anche l'amico d'infanzia di Roy, il dottor Draper, che ha una mezza storia con la sorella di Roy, ma da quando è tornato dalla guerra il suo carattere è molto diverso.

Il personaggio del dottore è abbastanza marginale e direi odioso, ma ha evidenziato un particolare che io avevo pensato durante la lettura.

Mi sono infatti chiesta come facesse Ani ad andare avanti con un lavoro che la mette a stretto contatto con la ferrovia ed i treni, proprio quei treni che hanno portato via il suo amato Mac.
 
La narrazione procede con capitoli dedicati alla vita di Ani e Isabel, alcuni dedicati alla vita del poeta Roy, e tanti di ricordi di quando Ani e Mac si sono conosciuti, poi sposati, e poi vivevano insieme.
 
Ani scoprirà tramite le chiacchiere e le voci di circostanza che il marito le teneva nascosti alcuni suoi hobby e comportamenti, niente di tragico, ma lei non può più chiedere conferma a Mac.
 
Trovo che i capitoli dove lei riceve la notizia e quelli della commemorazione siano strazianti, non tanto per le parole in se stesse ma perché poco differenziano la realtà, e credo che quando uno decide di leggere un buon libro voglia evadere dalla realtà e non trovarsela narrata anche nei libri.
 
Non lo so, è solo il mio parere personale, certamente molte persone troveranno di loro gusto questa narrazione.
 
Devo dire che tutto il libro anche se diviso in capitoli che saltano nel tempo si legge bene e tutti i passaggi sono chiari e ben comprensibili, è facile capire quando si parla di un personaggio o di un'altro e se siamo nel presente o nei ricordi.
 
Se tutto il libro mi ha lasciato un po' con il magone per la tristezza, il finale è stato sicuramente degno di tutta la narrazione, anche lui non poteva essere un finale felice.
 
Sinceramente non saprei se consigliarvi la lettura di questo libro, che si è ben scritto e coinvolgente, ma non è certo un libro per passare un paio di ore in tranquillità e spensieratezza.
 
Auguro a tutti voi una buona lettura, e come sempre vi do appuntamento alla prossima recensione librosa.
 
 
 
 
 
 
 
 

giovedì 18 maggio 2017

Video Review: Contorno Occhi Idratante I PROVENZALI

Nuova Video Review :

Contorno Occhi Idratante I PROVENZALI











 Guarda qui il video :




Fatemi sapere se avete provato alcuni di questi prodotti e come vi siete trovate.

Se ti è piaciuto il mio video mettimi un Like ed iscriviti al mio canale per non perdere le prossime recensioni :)

martedì 16 maggio 2017

Luca Bianchini " Nessuno come Noi " - Recensione Libro

LUCA BIANCHINI

NESSUNO COME NOI



 
 
 
 

Dati Generali Libro :
<a rel="nofollow" href="https://www.amazon.it/gp/product/8804674989/ref=as_li_qf_sp_asin_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=23322&creativeASIN=8804674989&linkCode=as2&tag=matutteame-21">Nessuno come noi</a><img src="http://ir-it.amazon-adsystem.com/e/ir?t=matutteame-21&l=as2&o=29&a=8804674989" width="1" height="1" border="0" alt="" style="border:none !important; margin:0px !important;" />
 

Genere : Letteratura italiana
Listino : € 18,00
Ebook : € 9,99
Editore : Mondadori
Data uscita : 10/01/2017
Pagine : 252
EAN : 9788804674986






 

 
 
 
 
 
 
 
 
Descrizione :
 
 
Torino, 1987. Vincenzo, per gli amici Vince, aspirante paninaro e aspirante diciassettenne, è innamorato di Caterina, detta Cate, la sua compagna di banco di terza liceo, che invece si innamora di tutti tranne che di lui. Senza rendersene conto, lei lo fa soffrire chiedendogli di continuo consigli amorosi sotto gli occhi perplessi di Spagna, la dark della scuola, capelli neri e lingua pungente. In classe Vince, Cate e Spagna vengono chiamati "Tre cuori in affitto", come il terzetto inseparabile della loro sit-com preferita. L'equilibrio di questo allegro trio viene stravolto, in pieno anno scolastico, dall'arrivo di Romeo Fioravanti, bello, viziato e un po' arrogante, che è stato già bocciato un anno e rischia di perderne un altro. Romeo sta per compiere diciotto anni, incarna il cliché degli anni Ottanta e crede di sapere tutto solo perché è di buona famiglia. Ma Vince e Cate, senza volerlo, metteranno in discussione le sue certezze. A vigilare su di loro ci sarà sempre Betty Bottone, l'appassionata insegnante di italiano, che li sgrida in francese e fa esercizi di danza moderna mentre spiega Dante. Anche lei cadrà nella trappola dell'adolescenza e inizierà un viaggio per il quale nessuno ti prepara mai abbastanza: quello dell'amore imprevisto, che fa battere il cuore anche quando "non dovrebbe". In un liceo statale dove si incontrano i ricchi della collina e i meno privilegiati della periferia torinese, Vince, Cate, Romeo e Spagna partiranno per un viaggio alla scoperta di se stessi senza avere a disposizione un computer o uno smartphone che gli indichi la via, chiedendo, andando a sbattere, scrivendosi bigliettini e pregando un telefono fisso perché suoni quando sono a casa. E, soprattutto, capendo quanto sia importante non avere paura delle proprie debolezze.
 
 
 
 
 
 
 
MIA RECENSIONE :
 
 
 
 
Un tenero salto nel passato.
 
Ho letto questo libro un po' per caso, non ho mai letto niente di questo autore prima d'ora ma mia mamma, come sempre santa mamma, me lo ha consigliato perché a lei era piaciuto, e non si è sbagliata.
 
Nella lettura ho fatto un salto indietro nel tempo, quando ero una ragazzina andavo a scuola, le amiche le sentivo sul telefono fisso di casa e ci si dava appuntamento in centro, e se si doveva contattare qualcuno quando si era fuori c'erano le cabine telefoniche.
 
I protagonisti di questa storia sono tre ragazzi delle superiori, Vincenzo detto Vince, Cate e Spagna.
Il primo è il classico ragazzo di periferia che vive in una piccola casa ed il padre fa i turni alla Fiat.
 
Poi c'è Cate, la bella del gruppo, sempre presa da un ragazzo o da un altro, ma che in fondo è insicura, e poi Spagna, la dark del gruppo, quella che si veste sempre di nero ma che in fondo ha un cuore tenerissimo. Io personalmente ho adorato il personaggio di Spagna ed il suo fidanzato Vanni.
 
I tre sono amici inseparabili, chiamati da tutti " I tre cuori in affitto" , ma il cuore invece è una cosa strana, infatti Vince è innamorato da sempre di Cate, ma lei lo vede come un amico, il suo migliore amico, e lo sommerge sempre con i racconti delle sue incasinate storie d'amore.
 
Nella loro classe arriva Romeo, figlio di borghesi e che di soldi ne ha eccome, ma se a prima vista può sembrare che sia odioso anche lui mostrerà un lato del suo carattere che è ben diverso dalle apparenze.
 
Romeo non ha amici ed inizia a frequentare Vince che gli da ripetizioni sulle varie materie, ed i due diventeranno inseparabili.

Romeo ha bisogno di un amico vero, e Vince vuole distrarsi da Cate e dal suo ultimo fidanzato, e così i due ragazzi, diversissimi tra di loro, si ritrovano affiatati.
 
Ma l'amicizia non è mai una cosa semplice, ed ecco che Romeo e Cate si mettono assieme, e per Vince questa è l'ennesima pugnalata da parte di chi vuole bene, ma è troppo buono per lamentarsi e fa buon viso a cattivo gioco.
 
Ad animare ancora di più la storia ci sono anche la professoressa Bottone, insegnante di Italiano e Latino dei ragazzi, che, complice la comune passione per l'Ariosto, instaurerà una storia con il padre di Romeo.
 
Proprio quest'ultimo saputo della cosa taglierà i ponti con tutti, Vince Cate e pure la scuola, ma sarà proprio Vince questa volta a prendere in mano la situazione ed aiutare l'amico.
 
Una storia carina e ben narrata, che prende a tal punto da non riuscire a smettere di leggere.
Tutti i personaggi hanno la loro personalità e la loro vita personale che è sempre ben narrata e descritta nei particolari.
 
Gli ambienti, le situazioni ed i dettagli sono ben descritti e molto realistici, che non solo dimostrano che l'autore gli ha vissuti, ma sarà facile per chiunque ha memoria di quegli anni ritrovarsi e fare un salto nel passato. L'autore ha ambientato il racconto nel 1987, chissà chi di voi ricorda i dettagli di quei tempi.
 
Ho trovato questo libro davvero carino, tanto che avrei voluto prendere da parte Cate per spiegarle un paio di cose sul suo modo di comportarsi con Vince.
 
Consiglio sicuramente questo libro, anche solo per passare una qualche ora immersi nella lettura con divertimento e spensieratezza.
 
Come sempre auguro a tutti voi una buona lettura, ed io vi do appuntamento alla prossima recensione librosa.
 

giovedì 11 maggio 2017

Video Book Review "SENZA ZUCCHERO AGGIUNTO" - SUE QUINN

uova Video Review :

In questo video parliamo di :

Book Review "SENZA ZUCCHERO AGGIUNTO" - SUE QUINN







Guarda qui il video :
Fatemi sapere se vi piace questo tipo di recensione :)


Se ti è piaciuto il mio video mettimi un Like ed iscriviti al mio canale per non perdere le prossime recensioni :)

martedì 9 maggio 2017

Roberto Centazzo e Fabio Pozzo " Signor Giudice, Basta un Pareggio "

ROBERTO CENTAZZO e
FABIO POZZO

SIGNOR GIUDICE,
BASTA UN PAREGGIO





Dati Generali Libro :

<a rel="nofollow" href="https://www.amazon.it/gp/product/8850230214/ref=as_li_qf_sp_asin_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=23322&creativeASIN=8850230214&linkCode=as2&tag=matutteame-21">Signor giudice, basta un pareggio</a><img src="http://ir-it.amazon-adsystem.com/e/ir?t=matutteame-21&l=as2&o=29&a=8850230214" width="1" height="1" border="0" alt="" style="border:none !important; margin:0px !important;" />

Genere : Gialli
Listino : € 14,00
Ebook : € 9,99
Editore : TEA
Data uscita : 23/05/2013
Pagine : 306
EAN : 9788850230211



 
 
 
 
 
 
 
 
Descrizione :
 
 
 
C'è una partita di droga in arrivo dal mare destinata a finanziare speculazioni edilizie e campagne elettorali. C'è il Grigio, che dall'ombra muove stupefacenti e denaro sporco. C'è Pedro, un sudamericano ex galeotto, ex spacciatore, che sussurra qualcosa all'orecchio degli inquirenti e poi sparisce. C'è una catena di morti che non può essere accidentale. Di chi è la mano che si cela dietro quei delitti? E poi ci sono tre uomini che hanno scelto tre strade molto diverse, ma tutte al servizio della verità, della legge: il procuratore capo Luigi Toccalossi, appena trasferito a Genova a dirigere la Direzione Distrettuale Antimafia; il suo braccio destro, il maresciallo dei carabinieri Luigi Centofanti; e un amico, Bartolomeo Bussi, giornalista di spicco di un noto quotidiano nazionale. E tutti e tre si ritrovano a seguire una pista che puzza di marcio da fare schifo, tra appalti truccati, speculazioni edilizie, traffico di stupefacenti, corruzione, morte. Sullo sfondo la Liguria, terra bellissima sotto scacco.
 
 
 
 
 
 
 
MIA RECENSIONE :
 
 
 
Geniale !
 
Ho letto vari libri di Roberto Centazzo, ma non li avevo mai apprezzati molto.
 
Poi da un anno circa è uscito con una nuova saga investigativa intitolata " Squadra Speciale Minestrina in Brodo " e da li il suo stile narrativo mi ha intrigato parecchio.
 
Ora esce con questo nuovo libro, dove come nei precedenti il protagonista è il Procuratore Toccalossi, ma sarà che nel mentre ha modificato il suo stile narrativo, sarà che questo libro è stato scritto a quattro mani con Fabio Pozzo, un giornalista famoso e che sa scrivere davvero bene, ma devo dire che il libro mi è piaciuto parecchio.
 
Veniamo alla trama, dove il Procuratore Toccalossi si è appena trasferito da Savona a Genova dove è andato a dirigere la Direzione Distrettuale Antimafia.
 
Il suo fedele braccio destro, il Maresciallo Centofanti, inizialmente non lo segue in questa nuova avventura, ma ben presto iniziano ad accadere strani eventi a Savona, e Centofanti capisce, anche grazie ad una soffiata ricevuta, che se vuole arrivare a qualcosa deve coinvolgere Toccalossi.
 
I due iniziano così ad indagare su delle morti all'apparenza accidentali, ma loro sanno che dietro c'è un'organizzazione ben avviata, certo la parte difficile è individuare i capi dell'organizzazione, e soprattutto trovare le prove per incriminarli.

Ma mano a mano tutti quelli che capitano sotto al radar dei due finiscono in qualche modo uccisi.
 
Toccalossi e Centofanti hanno le mani legate, non possono indagare più di tanto senza permessi, ma in loro aiuto inconsapevolmente arriva Bussi, un giornalista di cronaca amico di Centofanti.
 
E' proprio questo nuovo personaggio, Bussi, che rende il racconto molto più piacevole e scorrevole dal punto di vista narrativo.
 
Bussi si mette ad indagare per conto suo, perché un bravo giornalista è questo che fa, e lui il giornalismo ce l'ha nel sangue.
 
Grazie a Bussi che smuove le acque ed ai nostri amici che indagano ufficiosamente, si andrà a delineare tutta l'organizzazione, dove droga, prostitute, appalti truccati, soldi da riciclare e politici corrotti saranno all'ordine del giorno.
 
Ma la vera mente che opera dall'altro in questa organizzazione resta un mistero per ora, di lui si sa solo il soprannome, il Grigio.
 
Ho apprezzato davvero tanto questo stile narrativo, dove le indagini di polizia ufficiali ed ufficiose sono in primo piano, condite da aneddoti personali dei vari personaggi.
 
E' facile immaginarsi le varie scene e perdersi nelle vedute Liguri, descritte scrupolosamente dagli autori.
 
Toccalossi e Centofanti hanno trovato in Bussi una valida spalla, e mi auguro che questo fortunato trio possa continuare a raccontare altre indagini.
 
Un libro che consiglio non solo a chi piacciono i polizieschi, ma anche a chi ama i romanzi ben strutturati che poco si allontanano dalla realtà.
 
Come sempre auguro a tutti voi una Buona Lettura, ed io vi do appuntamento alla prossima recensione librosa.
 

giovedì 4 maggio 2017

Video Review : TOP APRILE 2017

Nuova Video Review :

TOP APRILE 2017




In questo video parliamo di :

Bottega Verde Crema Corpo Pepe Rosa

Valverbe Tisana Bergamotto e Goji

Bottega Verde Dahlia Imperiale Eau de Toilette



Guarda qui il video : 


 



Fatemi sapere se avete provato alcuni di questi prodotti e come vi siete trovate. 

Se ti è piaciuto il mio video mettimi un Like ed iscriviti al mio canale per non perdere le prossime recensioni :) 

martedì 2 maggio 2017

Ellen Umansky " La Ragazza del Dipinto " - Recensione Libro

ELLEN UMANSKY

LA RAGAZZA DEL DIPINTO
 
 
 
 
 

Dati Generali Libro :
<a rel="nofollow" href="https://www.amazon.it/gp/product/B01MUG96AS/ref=as_li_qf_sp_asin_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=23322&creativeASIN=B01MUG96AS&linkCode=as2&tag=matutteame-21">La ragazza del dipinto</a><img src="http://ir-it.amazon-adsystem.com/e/ir?t=matutteame-21&l=as2&o=29&a=B01MUG96AS" width="1" height="1" border="0" alt="" style="border:none !important; margin:0px !important;" />
 


Genere : Letteratura internazionale
Listino : € 10,00
Ebook : € 4,99
Editore : Newton Compton
Data uscita : 23/03/2017
Pagine : 352
EAN : 9788822702111





 



 
 
 
 
 
 
Descrizione :
 
 
Vienna, 1939. Mentre lo spettro della guerra terrorizza l'Europa, i genitori di Rose Zimmer cercano disperatamente un modo per lasciare l'Austria. Non riuscendoci, decidono di salvare almeno la loro giovane figlia. Rose viene così affidata a degli sconosciuti e portata in Inghilterra. Sei anni più tardi, quando la guerra è finalmente terminata, Rose tenta di ricostruire la propria vita devastata: si mette quindi alla ricerca di un quadro del pittore Soutine, appartenuto alla madre, e al quale la donna era legatissima. Sulle tracce di quel dipinto, diventato per lei quasi un'ossessione, Rose arriverà fino a Los Angeles e a Lizzie Goldstein, figlia di un famoso collezionista. Tra Lizzie e Rose nasce un'amicizia inaspettata, destinata però a interrompersi bruscamente quando le due donne si troveranno di fronte a una verità dolorosa: un segreto che ha a che fare con il quadro di Soutine e che è rimasto nascosto per tanti anni...
 
 
 
 
 
 
 
MIA RECENSIONE :
 
 
 
Stavo aspettando di trovare la versione cartacea di questo libro, ma come spesso accade mia mamma mi ha preceduto prendendosi il cartaceo per lei, ed era ovvio che me lo facevo prestare. Che poi ammettiamolo, leggere il libro cartaceo, magari fuori al sole tempo permettendo, è tutt'altra cosa.
 
La storia è un po' particolare ma mi aveva attratto proprio per questo.
 
Il protagonista non è una persona ma un dipinto, " Il Fattorino " di Soutine.
 
Siamo ai tempi dell'inizio della seconda guerra mondiale, Rose è una ragazzina ebrea benestante, ed in casa sua fa bella mostra di se Il Fattorino, un dipinto che a Rose non piace particolarmente ma che sua madre adora.
 
Arrivano i nazisti, ed i genitori di Rose decidono di fare partire lei ed il fratello da Vienna all'Inghilterra con una dei famosi Kindertransport, treni carichi di bambini che andavano a vivere presso delle famiglie all'estero.
Rose ed il fratello si perdono di vista ma la loro vita va avanti. Lei in Inghilterra cresce sperando sempre di rivedere la sua famiglia, ma non sarà così, e da quando finisce la guerra, per tutta la sua vita, avrà un solo scopo, ritrovare Il Fattorino, il quadro che sua madre tanto amava.
 
Facendo un bel salto temporale ci ritroviamo nel 2006 a Los Angeles, dove Lizzie ha appena seppellito il padre e deve sistemare tutte le sue cose.
 
Lizzie incontra così Rose, che da anni era in contatto con suo padre, perché Lizzie, durante la sua infanzia, era in possesso del Fattorino.
 
Questo quadro sembra non stare mai fermo, perché a Los Angeles è stato rubato quando Lizzie era una ragazzina, e lei non ricorda con piacere quel particolare evento perché se ne da la colpa.
 
L'amicizia tra Lizzie e Rose sembra consolidarsi, e lei vorrebbe potere fare di più per la nuova amica, se non riesce e restituirle il quadro, ma ripercorrendo gli eventi fino alla fatidica notte del furto, Lizzie inizia a scoprire delle cose del padre che le rivelano quanto lui non fosse quello che lei pensava, e forse non è ancora pronta per sopportare questa verità.
 
Ho trovato che questo libro, dove è suddiviso in capitoli alternati uno dedicato all'infanzia di Rose ed uno al presente di Lizzie e Rose, sia narrato in modo non proprio costante.
 
Tutta la narrazione è ben strutturata e si legge piacevolmente seguendo un filo logico temporale abbastanza netto, ma per i primi due terzi del libro l'autrice ha dato maggiore risalto alla narrazione ed alla descrizione dei particolari nei capitoli dedicati all'infanzia di Rose, mentre lasciava sempre molto superficiali quelli dedicati a Lizzie.
 
Sul finire del libro, negli ultimi capitoli, è invece Lizzie a diventare la protagonista dei dettagli, con una narrazione ricca di particolari.
 
La trama ed il libro non ne risentono assolutamente, la storia è molto bella, coinvolgente ed anche toccante, ma ho trovato evidente che l'autrice aveva un personaggio preferito durante la scrittura, Rose, ed anche se questo la rende più umana agli occhi del lettore, non so, avrei preferito che fossimo noi lettori a decidere quale era il nostro personaggio preferito.
 
Ovviamente questa è solo una mia personale opinione, e consiglio di leggere il libro per farvi la vostra. La storia non vi lascerà delusi.
 
Auguro a tutti voi una buona lettura, e come sempre vi do appuntamento alla prossima recensione librosa.

 
 

giovedì 27 aprile 2017

Video Review: Contorno Occhi Rivitalizzante DELIDEA

Nuova Video Review :

Contorno Occhi Rivitalizzante DELIDEA 







Guarda qui il video : 




Fatemi sapere se avete provato alcuni di questi prodotti e come vi siete trovate. 

Se ti è piaciuto il mio video mettimi un Like ed iscriviti al mio canale per non perdere le prossime recensioni :) 

giovedì 20 aprile 2017

Video Review: Fiale Anticaduta Capelli KERAMINE H Capelli Secchi

Nuova Video Review :

Fiale Anticaduta Capelli KERAMINE H Capelli Secchi 












 Guarda qui il video :




Fatemi sapere se avete provato alcuni di questi prodotti e come vi siete trovate.

Se ti è piaciuto il mio video mettimi un Like ed iscriviti al mio canale per non perdere le prossime recensioni :)


martedì 18 aprile 2017

Isabel Vincent " Le Mie Cene con Edward " - Recensione Libro

ISABEL VINCENT

LE MIE CENE CON EDWARD


Dati Generali Libro :

<a rel="nofollow" href="https://www.amazon.it/gp/product/B01HTLPY62/ref=as_li_qf_sp_asin_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=23322&creativeASIN=B01HTLPY62&linkCode=as2&tag=matutteame-21">Le mie cene con Edward</a><img src="http://ir-it.amazon-adsystem.com/e/ir?t=matutteame-21&l=as2&o=29&a=B01HTLPY62" width="1" height="1" border="0" alt="" style="border:none !important; margin:0px !important;" />


Editore: Garzanti Libri
Listino : € 14,90
Ebook : € 9,99
Data Uscita : 26/10/2016
Pagine : 157
EAN : 9788811672432





Descrizione :
È una fredda sera d'inverno e le vacanze di Natale sono da poco trascorse quando Isabel bussa svogliata alla porta di Edward. In quel momento vorrebbe non aver mai promesso alla sua migliore amica di fare compagnia al padre mentre lei è fuori città. Ancora non può sapere che quell'anziano signore che in cucina sta preparando uno squisito arrosto e un soffice soufflé è in realtà un cuoco straordinario, e sta per cambiarle per sempre la vita. Con quella prima cena ha infatti inizio una delle più improbabili e incredibili delle amicizie: lui ha novantatré anni, e non pensa ad altro che alla sua amatissima moglie da poco scomparsa; lei ha quasi cinquant'anni di meno, e dopo l'ennesima delusione sentimentale ha deciso che non si fiderà mai più dell'amore. Ma durante quegli splendidi e sontuosi banchetti diventati ben presto un attesissimo appuntamento settimanale, oltre alle prelibatezze di Edward, Isabel presto comincerà ad apprezzare ricette e consigli sul buon cibo e sulla vita. E giorno dopo giorno, quasi senza accorgersene, sia lei sia Edward si scopriranno di nuovo capaci di sorridere e di gioire, pronti a riscoprire il sapore dimenticato della felicità.
MIA RECENSIONE :

Un libro piccolo ma che ti da tanto.
Mi è capitato per caso in mano questo libro che viene dritto dritto dalla libreria di mia mamma, e la trama mi ha subito incuriosita.
Il libro è piccolino rispetto ai miei soliti standard è vero, ma l'ho apprezzato in ogni singola riga.
La storia parla di Isabel, che per caso per fare un favore alla sua amica di sempre decide di fare visita ogni tanto all'anziano padre dell'amica.
Edward, così si chiama il padre, infatti è rimasto vedovo da poco, e dopo una vita vissuta con e per sua moglie Paula le figlie temono che possa lasciarsi andare.
Isabel inizia a frequentare occasionalmente Edward, che la invita a cena, ed ogni cena non è solo un tripudio di sapori e di gusti, ma anche di tanti consigli.
Edward ha una grande passione per la cucina e la esprime preparando per la nuova amica piatti ricercati o semplici, ma sempre con un tocco tutto suo che li rende indimenticabili.
Da queste ricette ammetto di avere scoperto cos'è il fleur de sel, ed anche la ricetta del pollo nel sacchetto mi intriga parecchio.
Ogni capitolo inizia con il "menù" della serata, che comprende sempre aperitivo, antipasto, piatto principale, dolce, caffè o amaro ed il vino.
Isabel si trova bene con il nuovo amico non solo per come cucina, ma in particolar modo per l'intrattenimento.

Ogni cena infatti è sempre accompagnata da un racconto da parte di Edward della sua vita, ed ogni racconto ha sempre una morale o un punto di appiglio dove Isabel si può aggrappare per cercare di comprendere se stessa.
Isabel infatti è ai ferri corti con il marito e stanno divorziando, cercando di rendere le cose il più semplici possibile alla figlia.
I due presto inizieranno a godere della reciproca compagnia, e piano piano si aiuteranno a vicenda a riprendersi dai duri colpi che la vita ha servito loro.
Edward si interessa veramente al benessere ed alla felicità di Isabel, e cerca di starle accanto in un modo tutto suo, preparando per lei cene sempre indimenticabili condite da tanto chiacchierare, ma anche scrivendole lettere piene di consigli culinari e sulla vita, a volta duri, altre volte più leggeri, ma Edward è così, dice sempre quello che pensa anche se può fare male.

Gli anni per Edward avanzano ed Isabel cerca in ogni modo di catture tutto quello che Edward le può offrire, iniziando lei stessa a cucinare per se stessa e per i suoi amici, sempre seguendo le ricette del suo amico.
Il finale non è chiaro, lascia tutto aperto all'immaginazione del lettore, ma è giusto così, lo trovo il miglior finale possibile per questo libro.
Come dicevo questo libro mi ha fatto riflettere davvero tanto, sulla vita, sul percorso fatto, su quello da fare, ma soprattutto mi ha fatto tanto riflettere su quanta qualità di quello che sono ho offerto agli altri, e mi sono accorta che posso dare molto di più, e non è tardi per farlo.
Consiglio assolutamente la lettura di questo libro che mi ha lasciata davvero spiazzata, ma vi assicuro che non ne rimarrete delusi.
Come sempre auguro a tutti voi una buona lettura, ed io vi do appuntamento alla prossima recensione librosa.