martedì 22 maggio 2018

Angela Thirkell " Pomfret Towers " - Recensione Libro


ANGELA THIRKELL

POMFRET TOWERS







Dati Generali Libro :


Genere : Narrativa Contemporanea
Listino : € 17,00
Ebook : € 8,99
Editore : Astoria
Data uscita : 24/09/2015
Pagine : 263














Descrizione : 



Pomfret Towers, la dimora dei conti di Pomfret nel Barsetshire, fu costruita con gran pompa e nessuna attenzione al comfort. Abitata dal vecchio lord Pomfret, burbero e spesso di cattivo umore, e abbandonata da lady Pomfret, che dalla morte del figlio ha deciso di vivere in Italia, è destinata ad andare in eredità a Giles Foster, primo in linea di successione. Le cene che ogni tanto organizza lord Pomfret sono note per la loro rarità e per la loro noia, ed è quindi con un certo stupore che la famiglia Barton, architetto lui, scrittrice di bellissimi libri storici lei, riceve un invito per trascorrere un weekend alle Pomfret Towers indirizzato ai due figli. Inizia così una commedia romantica piena non solo di battute fulminanti, ma anche di personaggi spassosi, che si incrociano, si fraintendono, litigano, si corteggiano, si innamorano parlando di lavori nei campi o improbabili performance artistiche.







MIA RECENSIONE : 



Delizioso.

Alla Pomfret Tower si sta organizzando un ricevimento di alcuni giorni per i ragazzi del luogo, organizzato da Lord e Lady Pomfret.

Parteciperanno Alice Barton, giovane pittrice timidissima che non avrebbe mai voluto partecipare all'evento ma è stata spinta dalla madre, assieme al fratello Guy che dovrebbe tenerla d'occhio.
La Signora Barton, scrittrice storica di successo, sa che la figlia ha bisogno di uscire dal suo guscio anche se sarà difficile.

Alla festa ci sono anche la Signora Rivers, scrittrice di romanzi rosa che si è montata la testa con la fama, assieme alla figlia Phoebe che per scappare dalle grinfie della madre si è data al teatro, ed il figlio Julian, pittore bello quanto antipatico.

Ci sarà anche Gillie Forster, erede alla Pomfret Tower ed ai possedimenti, che si dimostra da subito un ottimo futuro padrone di casa, gentile e generoso con tutti, se non fosse che la signora Rivers lo vorrebbe sposato con la figlia Phoebe, cosa che proprio i due non possono concepire, e cerca di spingere la figlia in ogni modo verso di lui.

Per fortuna Alice trova in Phoebe una valida amica che la aiuterà in tutto il soggiorno, smorzando in parte la sua timidezza.

Ci sono poi anche Roddy e Sally Wicklow, fratello e sorella molto amici della famiglia Barton, invitati perché lavorano presso le tenute Pomfret.

Anche Roddy, che è sempre stato molto attaccato ad Alice, cercherà di assicurarsi che lei stia bene lontano da casa. Un'altro discorso è la sorella Sally, molto particolare come persona, ma con un cuore d'oro.

Per ultimo è stato invitato anche il Signor Johns, editore della signora Rivers, che lo assilla perché vuole maggiore successo e soprattutto un anticipo più sostanzioso per la sua nuova opera, ed il signor Johns avrà il suo bel daffare perché la donna è una delle autrici più moleste della sua casa editrice.
Tutt'altra cosa invece è la signora Barton, di cui è sempre lui l'editore, ma che trova una persona squisita.

Alice resta da subito affascinata da Julian, non potrebbe fare altrimenti essendo tutti e due artisti, ma questo particolare non le fa vedere quanto il ragazzo sia odioso.

Ci sono tutte le carte in tavola per una bella confusione, dove dettagli, passaggi ed altri personaggi non ho menzionato ma sono degni di nota.

L'autrice riesce a descrivere tutte le scene ed i passaggi in modo squisito, prestando attenzione ora a quello ora a quell'altro personaggio, rendendoli tutti realistici e con personalità ben definite.

Anche la narrazione spazio temporale è ben definita e tutta la lettura del romanzo è di facile comprensione, tanto che tra intrighi e complotti sembrerà di trovarsi immersi nelle discussioni dei personaggi.

Ho trovato questo romanzo davvero ben scritto, l'autrice non ha perso un solo passaggio, e consiglio assolutamente la lettura di questo libro per passare un paio di ore in compagnia dei personaggi.

Come sempre auguro a tutti voi una buona lettura, ed io vi do appuntamento alla prossima recensione librosa.