martedì 21 luglio 2015

Alice Basso " L' Imprevedibile Piano della Scrittrice Senza Nome " - Recensione Libro

ALICE BASSO
L' IMPREVEDIBILE PIANO
DELLA SCRITTRICE SENZA NOME
Dati Generali Libro :

Genere : Letteratura italiana
Listino : € 14,90
Editore : Garzanti
Data uscita : 14/05/2015
Pagine : 280
EAN : 9788811688303
Trama:
Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: coglie l’essenza di una persona da piccoli indizi che sembrano insignificanti e riesce a mettersi nei suoi panni, e pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un’empatia profonda, un intuito raffinato, uno spirito di osservazione fuori dal comune sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un’importante casa editrice. Scrive libri per altri. L’autore le consegna la sua idea, il materiale su cui documentarsi, e lei riempie le pagine delle stesse parole che lui avrebbe utilizzato. Un lavoro svolto nell’ombra. E a Vani sta bene così. Anzi, preferisce non incontrare di persona gli scrittori per cui lavora. Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda a una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva possibile. Da tempo ha smesso di credere che potesse capitare anche a lei. Per questo sa di doversi proteggere, perché, dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei. E quando il destino mette in atto il suo piano imprevisto e fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che le relazioni, come i libri, spesso nascondono retroscena insospettabili. Proprio ora che ha bisogno di tutta la sua concentrazione, di tutto il suo intuito. Un’autrice per cui sta lavorando è stata rapita e la polizia vuole la sua collaborazione. Perché c’è un commissario che ha riconosciuto il suo talento unico e sa che solo lei può entrare nella mente del sequestratore...

Mia Recensione:
Ammetto di non essere mai stata molto attratta dai libri super chiacchierati, ma questo in particolare mi ha incuriosito, un po' per la trama e un po' per il fatto che l'autrice é una covane ragazza esordiente.
Fortuna che mi sono incuriosita perché il libro mi é piaciuto un sacco.
Ma andiamo con ordine.

La storia racconta di una ragazza, Silvana Sarca, per gli amici Vani, che di mestiere fa la gosthwriter, in pratica scrive libri, articoli e quanto altro per chi non ha il tempo o non sa esprimersi con la scrittura.

Ovviamente il suo nome non viene mai menzionato, ma a Vani va bene così, anzi é stata proprio lei a desiderare questo lavoro.
In fondo non é un lavoro ma una vocazione, perché fa quello che le riesce meglio, cioè entrare nella testa degli altri e ragionare come se fossero loro.
Chiamatela Empatia o arte di immedesimarsi, ma per Vani é un istinto naturale.
Restare nell' ombra a lei piace anche perché il suo stile non é proprio "classico" , adora il nero, ha sempre un rossetto viola, abiti neri e spesso in pelle, e un lungo ciuffo di capelli corvini che le copre gli occhi.
Sicuramente non é la classica persona che si possa immaginare fare la scrittrice, eppure Vani nella sua carriera di libri al posto di personaggi noti ne ha scritti tanti.
Ora l'editore le propone un nuovo lavoro che le fa conoscere Riccardo, un autore diventato famoso per meriti propri, ma che adesso si ritrova con il blocco dello scrittore.
Vani e Riccardo si intendono subito, e la nascita del libro é facile e veloce.
Dopo la fama che Riccardo ottiene, inizia a fare una corte sfrenata alla nostra Vani, che non rimane proprio indifferente.
Dopo questo libro la casa editrice ha per le mani un nuovo autore, Bianca, famosa già da tempo, ma ora non ha il tempo per scrivere e così si rivolgono alla nostra gosthwriter.

 Peccato che Bianca tratta di un tema ben lontano dallo stile di Vani, lei infatti " parla con gli angeli," , ma la nostra amica non si perde d'animo.
Dopo alcuni giorni succede però un fatto insolito, Bianca sparisce nel nulla e tutto fa pensare al rapimento.
In questa occasione conosciamo il commissario di polizia Berganza, personaggio secondario ma degno di nota per il suo stile, che assomiglia ai classici ispettori di polizia dei romanzi gialli, e anche perché prende subito in simpatia Vani, coinvolgendola nelle indagini. In fondo una profiler che si immedesima così bene nelle azioni delle persone é molto utile.
Come procederanno le indagini lo scoprirete solo leggendo il libro.
Da brava donna ombrosa e schiva quale é, Vani non ha molti amici, ma si trova in sintonia con Morgana, una ragazzina che vive nel suo palazzo e che sembra essere una mini-Vani.

Anche lei sempre vestita di nero e con il carattere chiuso, la coppia stranamente assortita si trova bene insieme e le avventure non mancheranno.
Ora non vi svelo altro, come andrà la storia d'amore con Riccardo e le indagini per ritrovare Bianca lo scoprirete da soli leggendo il libro.
Per quanto riguarda la narrazione trovo che questo libro d'esordio sia molto interessante.

La narrazione é fluida e ben strutturata, i personaggi chiaramente descritti e tutto l'insieme molto piacevole.
Certo in alcuni passaggi un poco mi ricorda un'altra eroina dei racconti, ma solo in alcuni dettagli e sporadicamente.
Per concludere, come é stato anticipato dall'autrice, a questa storia vi sarà un seguito, e ammetto di essere curiosa di leggerlo.
Degna di nota é anche la menzione al lavoro di gosthwriter, mi fa pensare che chissà quanti autori si rivolgono a loro e noi non ce ne accorgiamo, ma il mio amore per la lettura mi fa andare oltre.
Non mi resta che augurare a tutti una Buona Lettura.