martedì 9 giugno 2015

Alan Bennett " La Signora nel Furgone " - Recensione Libro

ALAN BENNETT
LA SIGNORA NEL FURGONE
Dati Generali Libro :

Genere : Letteratura internazionale
Listino : € 8,00
Editore : Adelphi
Data uscita : 26/02/2003
Pagine : 90
EAN : 9788845917578
Trama:
Il diario di una lunga e improbabile convivenza: una barbona viene ospitata da una persona comune nel giardino di casa.
Chi accetterebbe mai di ospitare per diciotto anni nel giardino di casa propria una anziana barbona e il furgone debordante di rifiuti che ne costituisce il domicilio? Oltretutto Miss Shepherd non è una vecchina che susciti tenerezza: è grande e grossa, scontrosa, bislacca, poco incline alla gratitudine. Porta una sottana fatta di stracci per la polvere, occhiali da sole verdi e, a mo' di cappello, un cestino di paglia ottagonale. Si fa scarrozzare per la città su una sedia a rotelle ed emana un insopportabile fetore. Chi mai accetterebbe una così perturbante prossimità? Forse solo Alan Bennett, che in questo libro permeato di sublime sardonica pietas, e sostenuto da uno sguardo attento al più minuto particolare visivo e olfattivo, ci affida l'irresistibile diario di una lunga, incongrua convivenza. E forse solo Alan Bennett poteva trasformare l'abiezione in un genere di humour personalissimo - e Miss Shepherd in un personaggio memorabile.
Mia Recensione :
Chi mi segue e legge le mie recensioni saprà già che la conoscenza dell'autore Alan Bennett é ancora molto scarsa.

Ho letto per caso un suo libro e l'ho apprezzato molto, e per questo motivo ora sono intenzionata ad approfondire la mia conoscenza di questo autore.

Mi sono imbattuta quindi in questo libro, e già alla lettura della trama sono rimasta incuriosita.
I libri di Alan Bennett sono davvero piccolini, e anche i singoli capitoli sono corti, quindi la lettura é davvero adatta a tutti.
Ma veniamo alla storia.

Si parla di Miss Shepherd, una donna particolare quanto "colorata" che per sua decisione vive in un furgone, anzi in più furgoni, perché durante la sua vita ne ha cambiati diversi.
Vista la sua età avanzata non usa i furgoni come "camper" ma come vere e proprie case in cui vivere.
Questa strana Miss Shepherd é davvero singolare.

Non é povera, ma decide ugualmente di passare la vita in un furgone, e di rendere la vita impossibile al malcapitato di turno che decide di aiutarla.
Il malcapitato del libro é Mr Bennett, che già dal primo incontro scopre di che pasta é fatta questa strana signora.
Colto da gentilezza estrema decide di farla posteggiare nel suo giardino e le collega tutti gli impianti alla casa, gentilissimo da parte sua aiutare una signora anziana, ma se ne pentirà presto.
Non manca giorno che non si presenti con mise strampalate e inguardabili, e non dimentichiamo le continue assurde richieste che fará ogni volta che Mr Bennett per errore passa davanti al furgone.
La convivenza sembra un poco opprimente, ma si troverà presto ad abituarsi, e anzi a sentirne la mancanza quando non é presente.
Nel racconto ho apprezzato la divertente comicità e lo scambio di battute tra il sarcastico e l'esasperato.
Il libro é scritto come un diario tenuto da Mr Bennett.
Sinceramente non ho capito se il racconto é creato dallo spunto di una situazione vissuta dall'autore o se inserirsi nei racconti é il suo stile di scrittura, ma ora voglio sicuramente approfondire.
Tutta la storia é carina e si legge facilmente, oltre che molto velocemente, e leggendo oltre il racconto in se stesso, si vede sotto tanta verità dell'essere umano.
Non mi resta che augurare a tutti una Buona Lettura!