martedì 17 febbraio 2015

Beauty Tutorial. Tinta Capelli, Tecniche e Prodotti

BEAUTY TUTORIAL 

TINTA CAPELLI 
TECNICHE E PRODOTTI 



Che siamo bionde, more o castane per natura, la voglia di vederci diverse ogni tanto si fa sentire . 

Sui capelli, poi, deteniamo il record assoluto di esperimenti. 

Passata la fase di sperimentazione che tutte noi avremo provato quando eravamo ragazze, e presa coscienza anche dell'importanza di mantenere in salute il cuoio capelluto e la capigliatura, ecco che la voglia di cambiare prende una forma diversa e si orienta su rimedi naturali o meno aggressivi della classica tinta ad ammoniaca. 




COLORAZIONE A HENNE'
  
L'Henné è una polvere dal colore verde-grigio che, diluita in acqua o yogurt e tenuta in posa, regala alla chioma un riflesso naturale rosso bruno. 
E' un rimedio del tutto privo di controindicazioni, il risultato è inoltre modulabile. A seconda del tempo di posa è possibile ottenere un colore più o meno intenso. 

I vantaggi di questa colorazione sono numerosi. Prima di tutto si tratta di un prodotto innocuo per i capelli perchè è completamente naturale, e poi ha anche un effetto benefico sui capelli. 
L'Henné infatti penetra nelle squame del capello aumentandone il diametro, regalando un effetto volumizzante e ristrutturante. 

Il erboristeria è possibile trovate diversi tipi di Henné, quello tradizionale, che regala sfumature rossastre, quello naturale, cioè privo di colorazione, per chi vuole ottenere tutti i benefici di questo prodotto senza tingere i capelli, e quello al mallo di noce, chiamato anche Henné Nero, che però ha un effetto più leggero e richiede una manutenzione più frequente. 

La tecnica della colorazione con l' Henné è sconsigliata a chi ha molti capelli bianchi, perchè si rischia di ottenere sui capelli depigmentati un colore molto simile all'arancione. 

Un buon risultato dipende per prima cosa dal colore di base dei capelli, e per questo il risultato finale della colorazione con Henné è diversa per ogni donna. 




I PIGMENTI PURI 

Negli ultimi tempi in commercio si possono trovare colorazioni prive di ammoniaca che regalano, a seconda della base del capello, un bel riflesso intenso e duraturo,

Si tratta dei pigmenti puri, solitamente reperibili in colorazioni accese come rosso, rosa, magenta, blu, verde, giallo e arancione. 

Possono essere utilizzati per ravvivare meches ormai sbiadite, oppure per provare qualcosa di diverso e sicuramente eccentrico. 

Sul capello bianco o biondo il colore ottenuto sarà esattamente quello indicato sulla confezione, mentre sui capelli scuri regaleranno sfumature tendenti al rosso vino, verde rame o nero blu a seconda della colorazione scelta. 





LA COLORAZIONE LEGGERA ( " COLATA " ) 

Premetto che odio il termine "colata" ma è quello che spesso si conosce per intendere la tecnica della colorazione leggera. 

Se avete sporadici capelli bianchi e desiderate coprirli senza aggredirli con le tinte tradizionali, potete chiedere al vostro parrucchiere di fiducia di effettuare una colorazione leggera. 

Si tratta di una colorazione utilizzando tintura molto diluita con acqua, che regala un effetto durevole e più leggero rispetto alla colorazione tradizionale. 

E' molto utilizzata soprattutto quando si decide di cambiare colore ma si è indecisi sul risultato finale, in quanto si può sperimentare un colore differente per provare su se stesse il risultato che si andrà ad ottenere, senza però essere costrette a decolorare completamente se non si dovesse essere contente del risultato. 






IL FLAMBOYAGE E LO SHATUSH


Se avete intenzione di seguire la moda senza modificare troppo il vostro colore naturale, a seconda della lunghezza del vostro taglio potete scegliere tra la tecnica del Flamboyage o dello Shatush. 

Il Flamboyage si esegue sui capelli corti ed è una specie di illuminante. In pratica si tratta di lavorare sulla sfilatura dei capelli per mettere in risalto le sfumature naturali senza alterare il colore di fondo. 
Questo metodo è studiato per esaltare il movimento naturale della capigliatura giocando sulla tecnica in base alla lunghezza. 


Lo Shatush invece, prevede di schiarire la parte delle lunghezze del capello. La colorazione sarà quindi assente sulle radici, e sempre più intensa mano a mano che procediamo verso la punta. 

L'effetto che si vuole ottenere è riprodurre la naturale decolorazione dei capelli durante i mesi estivi, quando sole e acqua salata schiariscono naturalmente i capelli. 
Tale effetto può essere naturale o molto accentuato. 
L'effetto finale si ottiene realizzando sulle lunghezze dei colpi di sole graduali. 











LA TINTURA TRADIZIONALE

Se i capelli bianchi sono davvero troppi per concedersi una tinta leggera o uno shatush, allora la scelta dovrà ricadere sulle colorazioni tradizionali. 

Il mio consiglio è di affidarsi al proprio parrucchiere di fiducia per una tinta completa, e prevedere di fare da sole solamente la manutenzione periodica della ricrescita. 

Per un risultato impeccabile infatti, il dosaggio tra colorazione e acqua ossigenata deve essere fatto a regola d'arte, e quindi da personale qualificato. Esistono in commercio anche colorazioni prive di ammoniaca, e serve un trattamento specifico per farle lavorare al meglio con la resa e la durata di una classica tintura. 

Fatevi consigliare anche una buona manutenzione della vostra chioma colorata, con impacchi ristrutturanti e shampoo specifici. Mi raccomando questi ultimi che producano poca schiuma e da usare diluiti. 
Solo il questo modo contribuirete a mantenere i vostri capelli sani e protetti. 



Nota : In questo post ho trattato solo un accenno dei vari tipi di colorazioni più frequentemente usate. 
Se volete che tratti nello specifico una tecnica in particolare, chiedetemelo pure ! 





GUIDA UTILE : COME MANTENERE IL COLORE PIU' A LUNGO

Ricrescita a parte, va detto che con il passare dei giorni il colore tende a schiarire e perdere luminosità, complici anche l'inquinamento e i raggi uv. 

Ecco quindi alcuni semplici trucchi per mantenere bello e luminoso il colore più a lungo. 

- Lavaggio giusto e non troppo frequente. 
I capelli tinti vanno lavati nel modo giusto, e con shampoo e balsamo specifici per capelli colorati. 
In commercio ne esistono tantissimi tipi formulati appositamente, capaci di non aggredire troppo il pigmento. 
Preferite l'acqua tiepida a quella calda e cercate di non lavarli più di tre volte a settimana. 

- Asciugatura.
Anche il calore non va sottovalutato. Meglio evitare getti d'aria troppo calda e fonti ravvicinate. Il capello si indebolisce e si sfibra, quindi è meglio lasciare piega e piastra solo per alcune occasioni particolari. 

- Maschera nutriente. 
Se avete i capelli particolarmente secchi, almeno una volta a settimana applicate una maschera nutriente sulle lunghezze. Risciacquate bene concludendo con un getto di acqua fredda. In questo modo chiuderete eventuali desquamazioni del capello e li renderete subito più lucidi.