martedì 30 giugno 2015

Alan Bennett " Nudi e Crudi " - Recensione Libro

ALAN BENNETT
NUDI E CRUDI
Dati Generali Libro :

Genere : Letteratura internazionale
Listino : € 9,00
Editore : Adelphi
Data uscita : 18/04/2001
Pagine : 100
EAN : 9788845916106
Trama:
Trovare la casa svaligiata dai ladri è senza dubbio un evento sinistro. Ma se spariscono anche la moquette, il rotolo della carta igienica, il forno e l'arrosto che attendeva lo scatto del timer, è palese che non può trattarsi di un semplice furto. E l'allibita vittima -in questo caso un avvocato londinese agiato e pedante- ha tutto il diritto di pensare a una beffa del destino, o a una nuova formula, certo piuttosto radicale, di candid camera. Travolti da una realtà truce e demenziale, l'avvocato e la sua spenta consorte si trovano ad affrontare un rompicapo di comica suspense, dal quale schizzano fuori, come da una scatola a sorpresa, colpi di scena turbinosi. Questo racconto suscita una reazione pressoché unica nella letteratura degli ultimi anni: una ilarità che assale sin dalle prime righe e, quanto più si procede, tanto più essa si mescola con la percezione di una inquietante perfidia.

Mia Recensione :
Come saprete se mi seguite, i libri di Alan Bennett sono davvero corti, piccolini, e si leggono velocemente.

Perfetti nella stagione estiva appena arrivata, da leggere magari al sole o in un momento di relax.
Non credo di disdegnarli nemmeno in inverno però, sotto un bel piumone con qualcosa di caldo da bere.
Insomma, in qualunque momento leggete Alan Bennett, alla fine del libro vi lascerà sempre qualcosa da pensare.
Veniamo al libro che ho appena finito.
Si tratta della narrazione di un'avventura di Mr e Mrs Ransome, che una sera, al ritorno da teatro, scoprono che in casa sono entrati i ladri.
Ma non ladri qualunque, perché hanno portato via tutto, e per tutto intendo che non hanno lasciato niente, nemmeno la carta igienica.
Mr Ransome è un uomo inquadrato e ben attaccato alla realtà, e sua moglie, Mrs Ransome, per non fargli dispiacere lo asseconda in tutto. La classica famiglia borghese insomma.
Dopo questo furto, la coppia deve ricostruire tutto, e Mrs Ransome per recuperare almeno il minimo indispensabile di arredamento si avventura in negozi che fino ad ora aveva sempre evitato.
Ovviamente il marito non è d'accordo sulle scelte della moglie, ma basta non farglielo sapere.
Da qui Mrs Ransome riscopre un mondo che fino ad allora era confinato nella casa, che pensava perfetta, e nel focolare domestico, che forse era così per comodo ed abitudine, ma in fondo stava un po' stretto.
Ovviamente non manca il colpo di scena, ed avviene con una lettera, che porta alla scoperta del misterioso furto.
Sempre se di furto si può parlare, ma alla fine la coppia torna in possesso di tutti i suoi averi.
Mr e Mrs Ransome tornano alla solita vita con i soliti mobili nella solita casa, ma alla moglie tutto questo inizia a stare stretto, e mentre il marito si crogiola nella quotidianità ritrovata, lei inizia a scalpitare.
Saranno gli avvenimenti futuri a farle capire che la nuova strada che ha preso non la vuole abbandonare, e nonostante faccia tutto e si comporti come si deve, la sua vita di prima è stata una prova generale, ora è pronta per procedere oltre.
Ovviamente la chiave di lettura può avere molte facce, questa è la mia personale interpretazione, ma credo di distanziarmi poco da quello che si è voluto comunicare.

La narrazione in se è ben scritta, personaggi e ambientazioni ben dettagliate e tutti gli eventi seguono in filo logico e temporale.
Il libro è scritto bene, e come sempre mi trovo a sorprendermi di come, in così poche pagine, si possa dire così tanto.
Non mi resta che augurare a tutti Buona Lettura !